L’araldo della globalizzazione? I costumi di Fortnite!

Cosa accomuna un ragazzino del barese, uno studente al college nel Maryland ed un giovane analista piemontese davanti ad una folla in ludibrio?

Beh, la Floss Dance.

L’estate scorsa, dopo una lunga attesa, gli utenti cinesi hanno finalmente potuto accedere al videogioco Fortnite. Ed è proprio nel contesto della guerra economica tra Cina e USA che si inserisce la cooperazione tra l’orientale Tencent Holdings Ltd e la Epic Games Inc. La holding cinese, tra le più grandi imprese di social media al mondo, è infatti proprietaria al 40% della Epic Games, casa produttrice del videogioco.


L’economia digitale è anche internazionale, ma molto spesso nemmeno ce ne accorgiamo.

In materia di globalizzazione, le più tradizionali discussioni si trattengono spesso su beni fisici come l’acciaio, le automobili o lo zucchero. In realtà, ad oggi, l’integrazione tra le economia del mondo risulta sempre più digitale: e ciò accade anche sulle isole di Fortnite, dove centinaia di utenti si sfidano a suon di byte.

L’economia digitale è anche internazionale, ma molto spesso nemmeno ce ne accorgiamo” sostiene Anupam Chander, professore di giurisprudenza ed esperto di commercio digitale presso la Georgetown University.

Si pensi infatti ai miliardi incassati da Fortnite in “skin” e pacchetti in edizione limitata per la personalizzazione degli avatar. Se un giocatore in Cina acquista un vestito digitale prodotto negli states, o un arma progettata in North Carolina, sta effettivamente importando un bene a sostegno di un lavoro pagato in America.

gamerbrain.net

Il problema di questa ondata digitale della globalizzazione, come suggerisce Baldwin in The Globotics Upheaval , è che le economie facoltose sono impreparate alla perdita di posti di lavoro generata proprio dal processo. Secondo l’autore, architetti, contabili ed altri impiegati nei paesi sviluppati non sono pronti a far fronte ai rapidi cambiamenti che provengono direttamente dall’intelligenza artificiale o da esperti concorrenti nel mondo in via di sviluppo. La globalizzazione digitale permette infatti ai concorrenti di utilizzare Internet per ottenere lavoro senza passare attraverso la spesa di aprire un ufficio locale.

“Questa,” dice Baldwin, “potrebbe essere una rivoluzione sociale.” L’effetto di ciò sarebbe molto più profondo di questo “pezzo” su Fortnite e lascerebbe cicatrici rilevanti sul corpo dell’economia mondiale.

L’articolo è tratto da un’analisi di Bloomberg Businessweek del 14/01/2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...